×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

In ascolto dei pazienti

Ci vediamo da te




Tra diagnosi mancate, interruzioni forzate delle cure, contatti difficili con il medico curante, i pazienti italiani affetti da malattie infiammatorie stanno pagando un prezzo molto alto per l’emergenza Covid-19. L’impossibilità di spostarsi o la difficoltà di recarsi nelle strutture sanitarie mettono a rischio la salute i questi pazienti, rallentando l’accesso alle prime cure o pregiudicando la continuità terapeutica. Una condizione che in Italia riguarda milioni di cittadini con patologie infiammatorie croniche, come i 2.500.000 affetti da psoriasi, il 30% dei quali anche con artrite psoriasica1. La telemedicina può essere oggi uno strumento sempre più prezioso e indispensabile per migliorare questa situazione. È questo l’obiettivo con cui è nata “Ci vediamo da te”, innovativa piattaforma sviluppata da Welmed in collaborazione con Amgen Italia e rivolto a medici e pazienti affetti da psoriasi e artrite psoriasica. “Ci vediamo da te” garantisce i controlli periodici ai pazienti affetti da patologie infiammatorie, mettendo gli operatori sanitari in condizione di scambiare ricette, referti, diagnostica e piani terapeutici, nonché di pianificare in modo efficace le visite in presenza. L’aspetto più innovativo e qualificante è la possibilità offerta al medico di effettuare vere e proprie video-visite e consulti in remoto tra pazienti e professionisti della salute. Si tratta inoltre di uno strumento che prefigura anche un modello assistenziale innovativo e promettente, nel quale paziente, medico e specialista reumatologo possono interagire a distanza, ma con continuità e in totale sicurezza, in modo molto efficace.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa.

Seguici su  

 

1. http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=1072. Dati aggiornati al 29maggio 2013