×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

In Amgen abbiamo fatto dell’etica e dell’integrità i nostri valori fondanti e quello che teniamo in maggiore considerazione è il principio di trasparenza poiché la essa è, di per sé, garanzia di credibilità, premessa fondamentale per lo sviluppo di relazioni di fiducia con il pubblico e soprattutto con i pazienti.

Riteniamo che la collaborazione tra medici e aziende che operano nel settore delle scienze della vita sia stimolo fondamentale al progresso scientifico e al benessere in tutte le fasi del ciclo di un prodotto. Altrettanto importante è, tuttavia, la modalità attraverso la quale tale collaborazione è portata a compimento.

Convinto dell’importanza di ciò, il nostro settore industriale è quello che maggiormente si è autoregolamentato negli ultimi anni e oggi compie un ulteriore sforzo in questa direzione con il recepimento del Codice sulla Trasparenza.

L’Associazione Europea delle Aziende Farmaceutiche (EFPIA), alla quale Farmindustria e Amgen aderiscono, ha adottato un rigoroso codice di autoregolamentazione per rispondere alla crescente domanda di trasparenza nelle relazioni, già oggi molto ben disciplinate, tra industria e professionisti sanitari.

Questo Codice prevede che le aziende farmaceutiche che fanno parte del sistema associativo rendano pubbliche le erogazioni di denaro, dirette o indirette, effettuate a favore di operatori e organizzazioni sanitarie per attività di consulenza scientifica, organizzazione e partecipazione a congressi ed eventi, liberalità, conduzione di progetti di ricerca clinica. Per quanto riguarda i trasferimenti di valore verso operatori sanitari, la pubblicazione dei dati fa riferimento a ogni singolo soggetto, previo consenso dello stesso.