×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

Amgen punta a potenziare la diagnostica a beneficio di pazienti con tumore al polmone (NSCLC)

 

Amgen ha avviato una collaborazione con due aziende leader nel campo della diagnostica, Guardant Health e QIAGEN, per sviluppare analisi basate sia su tessuto polmonare sia su campioni ematologici, che accelerino l’identificazione della mutazione genetica KRASG12C nei pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC). Oggi un paziente ogni 8, tra coloro che sono affetti da NSLC, presenta la mutazione del gene KRASG12C e nell’area polmonare è difficile effettuare prelievi di tessuto utili a rivelare le diverse mutazioni genetiche. Amgen sta quindi lavorando con QIAGEN per sviluppare test diagnostici basati su tessuto polmonare, avvalendosi di piattaforme innovative. In più, per consentire le analisi dei biomarker in pazienti con tessuto polmonare insufficiente, Amgen sta collaborando con Guardant Health per sviluppare una biopsia liquida CDx. Un accordo che mira a identificare con la massima precisione i pazienti con mutazione genetica KRASG12C che potranno beneficiare di AMG 510, il primo inibitore sperimentale di questa mutazione al quale Amgen sta lavorando.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa originale.