×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

×

Vuoi essere reindirizzato a uno dei nostri siti esterni e lasciare amgen.it?

ATTENZIONE, STAI LASCIANDO IL SITO WEB DI AMGEN. Amgen Italia non si assume la responsabilità e non esercita alcun controllo su organizzazioni, visite o accuratezza delle informazioni contenute su questo server o sito.

Amgen avvia un nuovo programma umanitario per i pazienti pediatrici oncologici di India e Pakistan

Tra i molteplici ostacoli che i bambini affetti da tumori pediatrici di Paesi come l’India e il Pakistan sono costretti ad affrontare, ci sono anche quelli relativi alla difficoltà di accesso ai farmaci e alla mancanza di consapevolezza dei trattamenti terapeutici più efficaci da parte degli operatori sanitari che li prendono in cura. Con l’obiettivo di migliorare in parte questa situazione, Amgen ha recentemente lanciato un programma teso a garantire la continuità terapeutica ai pazienti pediatrici affetti da leucemia linfoblastica acuta (LLA).

Il programma pilota, supportato dall’esperienza del St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis e gestito dall’associazione umanitaria Direct Relief, è stato avviato in India nel 2020 per proseguire in Pakistan a partire dal marzo del 2021. I pazienti pediatrici con leucemia linfoblastica acuta (LLA) da precursori delle cellule B possono richiedere l’accesso alle cure fornite da Amgen tramite il proprio medico curante. I bambini che hanno una ricaduta con la patologia affrontano infatti spesso una prognosi sfavorevole e c'è un urgente bisogno di opzioni di trattamento aggiuntive, in particolare per coloro che sono identificati come ad alto rischio.

“Riteniamo che uno dei modi migliori per essere autenticamente al servizio dei nostri pazienti sia fornire i nostri farmaci alle persone bisognose e rafforzare la capacità locale degli operatori sanitari che li curano”, sottolinea Darryl Sleep, direttore medico di Amgen. “L’impatto di una malattia come la LLA è molto pesante nei confronti dei bambini e delle loro famiglie, e speriamo che l’accesso a cure innovative rappresenti una speranza concreta di miglioramento nel loro percorso terapeutico”.

“Direct Relief è da sempre profondamente riconoscente per l’impegno e gli sforzi di Amgen nel rendere accessibili medicinali fondamentali ai tanti pazienti che ne hanno bisogno, indipendentemente dalla loro condizione economica ” aggiunge Thomas Tighe, Presidente e CEO di Direct Relief. “Grazie a questa collaborazione, i bambini che altrimenti non potrebbero accedere alle terapie antitumorali più efficaci potranno ricevere le cure fondamentali di cui necessitano”.

Amgen è infine consapevole dell’importanza dei programmi educativi per migliorare l’offerta dei sistemi sanitari di queste regioni. Il progetto fornirà quindi formazione e istruzione specifica agli operatori sanitari e ai medici coinvolti, offrendo tutte le informazioni relative alla somministrazione appropriata, il dosaggio, la gestione degli effetti collaterali e le cure di supporto dei trattamenti terapeutici resi accessibili ai pazienti.

“Più del 90% dei bambini malati di cancro vive in paesi a basso e medio reddito in cui l’accesso a farmaci e cure efficaci è limitato o inesistente”, conclude Carlos Rodriguez-Galindo, MD, vicepresidente esecutivo del St.Jude Children’s Research Hospital e direttore di St. Jude Global. “Il programma di accesso umanitario di Amgen garantisce importanti percorsi di cura ai pazienti pediatrici di leucemia linfoblastica acuta, migliorando le loro possibilità di sopravvivenza. Siamo lieti di collaborare con Amgen per contribuire a ridurre le disparità globali nell’accesso ai farmaci, con l’obiettivo, un giorno, di rendere realtà il sogno che nessun bambino debba più morire di cancro”.

Seguici su